Un detto dice che i consigli sono ciò che tutti amano dare ma che nessuno ama ricevere. In effetti l’idea che qualcuno ci dia indicazioni su come fare una cosa o su come gestire un problema, soprattutto quando non richiesto, non è molto piacevole. Forse possiamo fare un’eccezione.

© designed by Molostock – Freepik.com

Il consiglio non richiesto, a parte il fastidio, mette l’interlocutore nella posizione di “chi non sa e dovrebbe sapere”.

In psicologia e in particolare modo nell’approccio psicoanalitico un valore importante è quello dell’autonomia del cliente/paziente. Un obiettivo che può essere raggiunto attraverso un percorso di consapevolezza; il ruolo del professionista potrebbe essere immaginato in questo senso come quello di chi accompagna e non di chi indica la via.

Lo psicoanalista junghiano Giuseppe Donadio alla fine del 1995 decide di “trasgredire” questa regola e pubblica il 23 dicembre un articolo sul quotidiano La Repubblica dal titolo PRECETTI PER IL CUORE, LA MENTE, IL CORPO, dove elenca i suoi “comandamenti”.

Indica quindi 20 consigli per affrontare la vita in modo più consapevole e autentico.

Ve li riporto integralmente e spero, come è stato per me, che possano essere d’ispirazione per piccole e grandi consapevolezze.



1: Abbandona il padre e la madre. Decidi una volta per tutte che sei cresciuto sufficientemente per fare a meno di loro e va’ per la tua strada. Rimproverare i genitori vivi o defunti che siano, incolpandoli dei nostri insuccessi e delle nostre nevrosi serve solo per non prenderci le nostre responsabilità. Non esistono genitori perfetti e noi a nostra volta non lo saremo.

(altro…)