Steve Jobs, Obama, Martin Luther King sono grandi personaggi che hanno appassionano e ispirato milioni di persone in tutto il mondo. Su cosa si basa il loro carisma?

 steve-jobs

In un post precedente abbiamo parlato del super achiever: una persona di successo in grado di aver grandi performance e raggiungere gli obiettivi che si è prefissato.

Sicuramente molto del loro successo è da attribuire alla loro capacità di organizzare il proprio tempo, alla loro tenacia (e a volte ostinazione), al loro coraggio e ad altre componenti che hanno reso la loro vita eccezionale.

Un altro fattore molto importante è quello di essere stati ed essere tuttora un riferimento per gli altri, di riuscire trascinarli con il loro esempio e con i loro ideali.

Per loro esiste quindi anche una variabile “carisma“. Quanto è importante? In che modo agisce?



Dare una definizione di carisma non è semplice anche se tutti possiamo facilmente pensare a individui carismatici. Secondo Riggio del Claremont McKenna College ci sono una serie di connotatati che caratterizzano le persone carismatiche, vediamo insieme quali.

(altro…)

Qui sotto gli articoli più letti dai visitatori di questo blog. Dai un'occhiata anche tu!

Sapevate che anche al nostro cervello non piace il “cambio armadio”? Meteoropatia e dintorni.
Visto 210
Cosa succede al nostro cervello quando cambiano le stagioni? Quali sono gli effetti dei cambiamenti climatici sulle nostre attività mentali? La meteor...
Come gestire tutti gli impegni e raggiungere gli obiettivi? (#2)
Visto 211
Riuscire a gestire tutti gli impegni di una giornata non è semplice. Molti di noi possono sentirsi in difficoltà. Dobbiamo far fronte a molte richiest...
3 piccoli consigli per affrontare le sfide della vita
Visto 214
Le sfide che dobbiamo affrontare nella vita sono molte. Ogni fase della nostra esistenza ci pone di fronte alla necessità di superare fasi difficili, ...
10 cose che (mi) auguro per il 2018
Visto 201
Quest'articolo è una condivisione di riflessioni, esperienze, incontri e di quello che mi hanno insegnato. Metto in fila un po' di certezze (?) acquis...

Un detto dice che i consigli sono ciò che tutti amano dare ma che nessuno ama ricevere. In effetti l’idea che qualcuno ci dia indicazioni su come fare una cosa o su come gestire un problema, soprattutto quando non richiesto, non è molto piacevole. Forse possiamo fare un’eccezione.

© designed by Molostock – Freepik.com

Il consiglio non richiesto, a parte il fastidio, mette l’interlocutore nella posizione di “chi non sa e dovrebbe sapere”.

In psicologia e in particolare modo nell’approccio psicoanalitico un valore importante è quello dell’autonomia del cliente/paziente. Un obiettivo che può essere raggiunto attraverso un percorso di consapevolezza; il ruolo del professionista potrebbe essere immaginato in questo senso come quello di chi accompagna e non di chi indica la via.

Lo psicoanalista junghiano Giuseppe Donadio alla fine del 1995 decide di “trasgredire” questa regola e pubblica il 23 dicembre un articolo sul quotidiano La Repubblica dal titolo PRECETTI PER IL CUORE, LA MENTE, IL CORPO, dove elenca i suoi “comandamenti”.

Indica quindi 20 consigli per affrontare la vita in modo più consapevole e autentico.

Ve li riporto integralmente e spero, come è stato per me, che possano essere d’ispirazione per piccole e grandi consapevolezze.



1: Abbandona il padre e la madre. Decidi una volta per tutte che sei cresciuto sufficientemente per fare a meno di loro e va’ per la tua strada. Rimproverare i genitori vivi o defunti che siano, incolpandoli dei nostri insuccessi e delle nostre nevrosi serve solo per non prenderci le nostre responsabilità. Non esistono genitori perfetti e noi a nostra volta non lo saremo.

(altro…)

Qui sotto gli articoli più letti dai visitatori di questo blog. Dai un'occhiata anche tu!

Come capire se una storia d’amore durerà?
Visto 605
Le relazioni sono fondamentali per la nostra vita. Molti vivono storie d'amore serene altri complicate, altri ancora magari invece si interrogano se i...
Come non dimenticare nomi e password? Mnemotecniche per tutti i giorni
Visto 96
Ogni giorno gli impegni e gli stimoli esterni sono tantissimi. Il nostro cervello ha una capacità limitata di memorizzare informazioni. A tutti sarà c...
Vi fa più paura il passato o il futuro?
Visto 212
Sentiamo spesso parlare di paura del futuro, ansia del futuro. Non sapere cosa accadrà, cosa succederà nella nostra vita sentimentale o lavorativa, ma...
In amore gli opposti si attraggono? Ecco cosa dice la psicologia
Visto 293
In questo articolo parliamo di legami affettivi, e in modo particolare cerchiamo di capire alla luce di alcune ricerche psicologiche se alcuni luoghi ...

Riuscire a gestire tutti gli impegni di una giornata non è semplice. Molti di noi possono sentirsi in difficoltà. Dobbiamo far fronte a molte richieste, ci chiedono di essere efficaci ed efficienti. Come migliorare la nostra produttività? 

turbine-e-mulini-a-vento
In un post precedente ho indicato due consigli per ottimizzare il proprio tempo con l’obiettivo di essere più efficienti. Suzanne Gelb, psicologa e coach, parla dei cosiddetti “super achiever”, persone che riescono a gestire in maniera ottimale i loro impegni.

Fondamentali sono i livelli di coinvolgimento nel compito e la difficoltà della sfida (flow experience).

Ma soprattutto smettiamo di pensare di essere multitasking: perché noi non siamo multitasking!!! 



Continuiamo quindi a segnare questi piccoli ma importanti accorgimenti per gestire meglio e in modo più funzionale i vari compiti che dobbiamo affrontare ogni giorno.

1# Evita interruzioni “amichevoli”

Al bando amici e colleghi che possono interrompere le vostre attività. Anche se le pause e i minuti che dedicate agli altri sono relativamente pochi, ci rimetterete circa 23 minuti (!!!) per ritornare completamente sul pezzo. Non a caso i super manager hanno uffici isolati con porte “anti disturbo”.

(altro…)

Qui sotto gli articoli più letti dai visitatori di questo blog. Dai un'occhiata anche tu!

I 4 Momenti più Difficili di (quasi) ogni Sfida
Visto 182
In questo articolo vorrei parlarvi di quelli che, secondo me, potrebbero essere i 4 punti critici di ogni sfida che affrontiamo nella vita. Non import...
Che fare quando lo Stress bussa alla porta? Ecco 6 Consigli dalla Psicologia
Visto 84
La parola stress è molto usata nelle conversazioni di tutti i giorni. In realtà non connota sempre qualcosa di negativo perchè esiste anche uno stress...
Perché alcune coppie durano più di altre?
Visto 190
Dopo le prime fasi di innamoramento alcune coppie riescono a consolidare il rapporto altre invece no. Quindi una volta che la scintilla è scoccata e s...
10 cose che (mi) auguro per il 2017
Visto 904
Ho pensato all'anno che si conclude in questi giorni ed ho riflettuto su cosa augurarmi per l'anno che verrà. Ho scoperto che farlo con se stessi non ...

La psicologa e life coach americana Suzanne Gelb parte da una provocazione e dice: “tu hai lo stesso numero di ore in una giornata di Beyoncé” e si domanda cosa renda le persone di successo, persone di successo! Scopriamolo in questo post.

 

Beyoncè come esempio di super achiever. Successo.

Tempo! Tempo! Tempo! Forse è per molti il bene più prezioso. Un bene molto facile da perdere ed impossibile da acquistare. Spesso il problema di chi non ha abbastanza tempo e ne vorrebbe di più, per essere produttivo e forse quindi più soddisfatto, è legato a come lo gestisce.

La dott.ssa Gelb, dalla sua pluriennale attività con quelli che vengono chiamati super achiever (persone molto efficienti), stila un vademecum con consigli preziosi per ottimizzare il proprio tempo e rendere le proprie attività e la propria giornata più produttiva.



Vediamo quali sono quindi i primi due consigli utili per iniziare la scalata al successo personale.

(altro…)

Qui sotto gli articoli più letti dai visitatori di questo blog. Dai un'occhiata anche tu!

Metodo Feuerstein per l’apprendimento: non è mai troppo tardi per imparare
Visto 466
Un post per raccontare la storia di uno dei più grandi pedagogisti dell'ultimo secolo e del suo metodo di insegnamento. L'apprendimento diventa un f...
4 Consigli per affrontare i Sensi di Colpa
Visto 112
Il cosiddetto senso di colpa è un'emozione complessa che tutti nella vita, chi più chi meno, abbiamo provato. Ecco qualche piccolo consiglio per front...
In amore gli opposti si attraggono? Ecco cosa dice la psicologia
Visto 293
In questo articolo parliamo di legami affettivi, e in modo particolare cerchiamo di capire alla luce di alcune ricerche psicologiche se alcuni luoghi ...
Public Speaking: come ve la cavate? L’ansia di parlare in pubblico può essere superata. Ecco 2 immagini mentali potenti.
Visto 295
Parlare in pubblico per molti rappresenta un compito davvero arduo. Si inizia magari parlando davanti ai propri compagni di classe alle elementari, fi...

Wayne W. Dyer, scomparso l’anno scorso per una grave leucemia all’età di 75 anni, è stato uno psicologo e psicoterapeuta. Da molti definito il “padre della motivazione”, ha insegnato molto a proposito di cambiamento e crescita personale.

Il dott. Dyer è stato autore di molti libri di grande successo internazionale, uno fra tutti Le vostre zone erronee (edito nel 1976, un bestseller mondiale con trentacinque milioni di copie vendute).

Ha anche partecipato a moltissime trasmissioni radiofoniche e televisive occupandosi di crescita personale e sviluppo del Sé.

Wayne Dyer affronta i grandi temi della felicità, della ricerca della vita e del senso della vita.

Argomenti trattati in maniera molto efficace in un docu-film del 2009 intitolato “The Shift – Il cambiamento“. Qui il dott. Dyer interpreta un sé stesso alle prese con la realizzazione di un’intervista di promozione ad un suo libro. Nel frattempo si intrecciano sulla scena diverse storie.

  1. La prima riguarda una donna, madre e moglie, in difficoltà nel suo ruolo e nelle conseguenze che questo comporta nella realizzazione delle sue aspirazioni più profonde.

  2. La seconda racconta di un manager rampante, scaltro e senza scrupoli alla prese con la costruzione di un progetto edilizio e le conseguenze del suo impatto ambientale. Concentrato sul lavoro e su se stesso vive un rapporto arido e grigio con la moglie.

  3. Infine la terza storia vede protagonista il regista dell’intervista al dott. Dyer, frustrato per il fallimento della ricerca di finanziamenti per la realizzazione di un progetto cinematografico.

(altro…)

Qui sotto gli articoli più letti dai visitatori di questo blog. Dai un'occhiata anche tu!

In amore gli opposti si attraggono? Ecco cosa dice la psicologia
Visto 293
In questo articolo parliamo di legami affettivi, e in modo particolare cerchiamo di capire alla luce di alcune ricerche psicologiche se alcuni luoghi ...
Che fare quando lo Stress bussa alla porta? Ecco 6 Consigli dalla Psicologia
Visto 84
La parola stress è molto usata nelle conversazioni di tutti i giorni. In realtà non connota sempre qualcosa di negativo perchè esiste anche uno stress...
Volti nelle Nuvole
Visto 351
Con questo mio primo post inizio un'avventura nuova e appassionante. Come succede per le avventure spesso si conosce solo il punto di partenza, il "ba...
20 consigli che danno serenità e rimettono in pace con sé stessi
Visto 559
Un detto dice che i consigli sono ciò che tutti amano dare ma che nessuno ama ricevere. In effetti l'idea che qualcuno ci dia indicazioni su come fare...