Solo 3 minuti di Lettura

Wayne W. Dyer, scomparso l’anno scorso per una grave leucemia all’età di 75 anni, è stato uno psicologo e psicoterapeuta. Da molti definito il “padre della motivazione”, ha insegnato molto a proposito di cambiamento e crescita personale.

Il dott. Dyer è stato autore di molti libri di grande successo internazionale, uno fra tutti Le vostre zone erronee (edito nel 1976, un bestseller mondiale con trentacinque milioni di copie vendute).

Ha anche partecipato a moltissime trasmissioni radiofoniche e televisive occupandosi di crescita personale e sviluppo del Sé.

Wayne Dyer affronta i grandi temi della felicità, della ricerca della vita e del senso della vita.

Argomenti trattati in maniera molto efficace in un docu-film del 2009 intitolato “The Shift – Il cambiamento“. Qui il dott. Dyer interpreta un sé stesso alle prese con la realizzazione di un’intervista di promozione ad un suo libro. Nel frattempo si intrecciano sulla scena diverse storie.

  1. La prima riguarda una donna, madre e moglie, in difficoltà nel suo ruolo e nelle conseguenze che questo comporta nella realizzazione delle sue aspirazioni più profonde.

  2. La seconda racconta di un manager rampante, scaltro e senza scrupoli alla prese con la costruzione di un progetto edilizio e le conseguenze del suo impatto ambientale. Concentrato sul lavoro e su se stesso vive un rapporto arido e grigio con la moglie.

  3. Infine la terza storia vede protagonista il regista dell’intervista al dott. Dyer, frustrato per il fallimento della ricerca di finanziamenti per la realizzazione di un progetto cinematografico.

Dyer affronta quesiti importanti con parole semplici e mai superficiali. Ci interroga su cosa ci muove, cosa ci motiva a fare le scelte che facciamo. Ci fa pensare a quando si sente alcuni giorni un’insoddisfazione strisciante,  la mancanza di qualcosa; ma di cosa?

Per Dyer il raggiungimento di una vita piena, di uno scopo significativo comporta tornare alla propria natura autentica. Si deve iniziare col prendere consapevolezza delle nostre convinzioni “egoiche” per poi cambiarle.

L’ego si esprime con tre false convinzioni:

  • Noi siamo ciò che abbiamo: ci si identifica con i beni materiali che possediamo. Il nostro obbiettivo diventa a quel punto possedere sempre di più e Dyer si domanda: se noi siamo quello che abbiamo quando quello che abbiamo non c’è più, cosa resto di noi a quel punto?

  • Noi siamo ciò che facciamo: il nostro successo, le nostre promozioni al lavoro, il nostro atteggiamento competitivo sono la cartina di tornasole del nostro valore.

  • Noi siamo ciò che gli altri pensano di noi: la nostra reputazione diventa la cosa più importante, lo scopo diventa piacere agli altri, essere approvati continuamente, preoccupandoci costantemente della nostra immagine sociale.

Il percorso di cambiamento della nostra vita diventa quindi un’esplorazione dei nostri bisogni e desideri più veri, più autentici. Un filmato intenso che coinvolge ed offre opportunità di riflessione. Anche se non si condivide la prospettiva religiosa e spirituale che attraversa il pensiero di Wayne Dyer, rimane comunque lo spazio per aprirsi ad una dimensione “altra”.

Si può iniziare a pensare alla possibilità di vivere una vita con uno sguardo più profondo e attento a ciò che la può rendere migliore, più felice.

Qui sopra potete guardare il contributo purtroppo non integrale (mancano 15 minuti) ma comunque fruibile e visibile su youtube. Per una visione completa in lingua originale cliccate qui.

Voglio chiudere con un pensiero citato nel docu-film:

Credere di aver bisogno di ciò che non si ha, è una buona definizione della follia 

 

       (Byron Katie)

Fonti: [1] – [2] – [3]

Qui sotto gli articoli più letti dai visitatori di questo blog. Dai un'occhiata anche tu!

Le 5 Caratteristiche delle Persone Carismatiche
Visto 426
Steve Jobs, Obama, Martin Luther King sono grandi personaggi che hanno appassionano e ispirato milioni di persone in tutto il mondo. Su cosa si basa i...
Sapevate che anche al nostro cervello non piace il “cambio armadio”? Meteoropatia e dintorni.
Visto 209
Cosa succede al nostro cervello quando cambiano le stagioni? Quali sono gli effetti dei cambiamenti climatici sulle nostre attività mentali? La meteor...
Perché alcune coppie durano più di altre?
Visto 181
Dopo le prime fasi di innamoramento alcune coppie riescono a consolidare il rapporto altre invece no. Quindi una volta che la scintilla è scoccata e s...
10 cose che (mi) auguro per il 2018
Visto 178
Quest'articolo è una condivisione di riflessioni, esperienze, incontri e di quello che mi hanno insegnato. Metto in fila un po' di certezze (?) acquis...

This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *